JonixLUG


"Non siamo contro nessuno, siamo solo a favore della libertà, abbiamo scopi costruttivi."

[cit. Richard Matthew Stallman]

PLUTO Journal —

Nato nel 1995, Il PLUTO Journal è la prima rivista italiana completamente dedicata a GNU/Linux e Software Libero. Purtroppo l’ultimo numero risale al 2009, ma gli articoli e le soluzioni presenti su questa rivista sono ancora attualissime.

PLUTO è un progetto nato a Padova nel 1992, ed è stato il primo sito web ad aver creato, tradotto e pubblicato documentazione su GNU-Linux e sul Software Libero grazie al progetto ILDP. (Italian Linux Documentation Project)

Potete scaricare tutte le riviste di PLUTO Journal dal sito ufficiale di PLUTO o dal nostro OwnDrive.

Sito Ufficiale di PLUTO Journal: http://www.pluto.it/journal

OwnDrive Mirror: https://my.owndrive.com/public.php?service=files&t=2015fdade1bd4f6b610833e88beea9c7


Debianizzati E-Zine —

«Correva l’anno 2008, febbraio. Da una discussione animata della comunità il desiderio di scrivere una rivista sul nostro sistema operativo preferito si faceva sempre più intenso. L’idea nacque quasi per caso, “sputata” da un momento all’altro come i discorsi che nascono in un bar – “e se facessimo una rivista italiana su debian?” – Senza neanche finire la frase, già si accumulavano i topic con bozze e pensieri che andavano ad alimentare la voglia e la motivazione di creare un progetto… e così fu.»

[tratto dall’editoriale di “Debianizzati”, numero 0]

Debianizzati E-Zine è la rivista aperiodica della comunità di Debianizzati.org. Purtroppo la comunità non produce più nuovi numeri a causa dell’assenza di collaboratori, ma i pochi che hanno avuto la fortuna di veder la luce del sole sono ricchi di contenuti che spaziano dal sistema operativo Debian all’installazione ed alla configurazione di GNU-Hurd.

Potete scaricare tutti i numeri di Debianizzati E-Zine dal sito ufficiale di Debianizzati o dal nostro OwnDrive.

Sito Ufficiale di Debianizzati E-Zine:
http://www.debianizzati.org/ezine

OwnDrive Mirror: https://my.owndrive.com/public.php?service=files&t=392e3ce74e7e080723303d8fa41dceae


Full Circle Magazine —

Full Circle Magazine

Full Circle Magazine è una rivista sul mondo Ubuntu, distribuita gratuitamente in formato PDF sin dall’aprile 2007; il suo scopo è la diffusione della cultura del software libero e in particolare del sistema operativo Ubuntu.

È un progetto nato sul forum internazionale della comunità di Ubuntu per creare una rivista che raccolga pratiche guide dettagliatamente illustrate e curiosità riguardanti l’uso sia dell’”ambiente” (Sistema Operativo) Ubuntu che delle sue derivate ufficiali. La comunità italiana di Ubuntu mette a disposizione la traduzione di questa rivista sul sito internazionale del progetto.

Full Circle Magazine è una pubblicazione indipendente e non è affiliata a Canonical Ltd., sponsor del sistema operativo Ubuntu; difatti la rivista è supportata dalla pubblicità, mentre gran parte del suo contenuto si basa su quanto viene inviato da scrittori volontari.

Si rivolge agli utenti di Ubuntu e di tutte le distribuzioni derivate, tra cui Kubuntu, Xubuntu ed Edubuntu e si concentra su recensioni di prodotti, news della comunità, Howto e suggerimenti per la risoluzione di problemi “generici” e di programmazione. La rivista è disponibile in molte lingue, la prima edizione è stata pubblicata in lingua inglese, italiana, estone, rumena, russa, spagnola, galiziana, olandese e indonesiana; i numeri più recenti sono disponibili, oltre che nella lingua originale inglese, anche in italiano, in francese e in ungherese.

L’edizione italiana della rivista è curata dal Gruppo FCM, progetto del Gruppo Traduzione della Comunità Italiana di Ubuntu.

Tutte le traduzioni degli articoli della rivista vengono pubblicate con la stessa licenza utilizzata nella pubblicazione della rivista inglese: licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

Fonte dell’informazione Wikipedia Italia: https://it.wikipedia.org/wiki/Full_Circle_Magazine

E’ possibile visualizzare l’archivio con tutti i numeri (in inglese issues) di Full Circle Magazine tradotti in lingua italiana sia dal Wiki della comunità italiana di Ubuntu e sia dal sito ufficiale di FCM Italia, potete scaricarli in formato PDF, DjVu ed ePub, con alcuni files audio/video pubblicati su YouTube. Se volete scaricare i numeri di Full Circle Magazine in lingua originale (inglese), è disponibile il sito internazionale.

Blog ufficiale di FCM in inglese: http://fullcirclemagazine.org/

Blog del Gruppo FCM Italiano: http://fcmit.wordpress.com/

Wiki del Gruppo FCM Italiano: http://wiki.ubuntu-it.org/Fcm/

Archivio di tutti i numeri di FCM in italiano: http://wiki.ubuntu-it.org/Fcm/Archivio

Potete scaricare tutti i numeri di FCM in italiano (formato PDF) raggruppati per anno e compressi in formato 7z dal nostro OwnDrive: https://my.owndrive.com/public.php?service=files&t=44cceb75b125bbddd0759dd5891af4ba


JonixLUG-TARANTO —

JonixLUG nasce dall’esigenza di creare un Linux User Group, che sia di riferimento per gli utenti e i professionisti della provincia jonica.
La città di Taranto è il fulcro amministrativo, logistico ed operativo.

Il gruppo è aperto a chiunque abbia voglia di conoscere ed usare il software libero.

Non sono richieste competenze specifiche, o pregresse esperienze con GNU/Linux,
ma solo una buona dose di “apertura mentale” nei confronti dei modi e della filosofia
tipiche di chi sostiene l’ideologia del FLOSS

Le motivazioni che ci spingono ad impegnare tempo e risorse in questo progetto, sono diverse:

– L’istruzione informatica è vincolata dalle licenze proprietarie, che a loro modo, limitano la creatività o addirittura le possibilità degli studenti.
Con le licenze GPL si possono offrire ottimi tools e softwares senza costi di licenza o crack illegali, senza far acquistare l’ultimo modello di PC a costi esorbitanti, ma soprattutto senza essere indotti dai propri educatori a compiere azioni illecite e perseguibili, per poter proseguire gli studi.

– La carenza di sistemisti e la mancanza di una rete attiva nella provincia di Taranto, che li possa interfacciare con le esigenze innovative degli industriali o degli imprenditori locali, e che dia modo di favorire lo scambio e la condivisione delle idee e delle competenze per lo sviluppo di progetti.

– Ci auguriamo di riuscire a supportare e promuovere la diffusione e l’uso di software libero nelle Pubbliche Amministrazioni, facendo risparmiare milioni di euro alle casse comunali (e quindi ai cittadini), allineandoci così con le direttive europee a riguardo.
link #1 (italiano)
link #2

– Vogliamo estendere le nostre conoscenze e condividerle con gli altri, per una crescita comune che garantisca l’autosufficienza del know-how informatico, etico e a “chilometro zero”.

Chiunque voglia contattarci e partecipare è invitato a visitare la sezione Contatti.